Marta Mancini

Nelle opere di Marta Mancini il tema paesaggio viene affrontato con opere di dimensioni differenti, le quali, assieme a scelte cromatiche del tutto lontane dal naturalismo, dimostrano il fondamento mentale dell’arte figurativa e di ogni approccio alla natura. In questo caso la grande quota di soggettività è chiaramente ammessa già dal titolo, Voce dal sen sfuggita, da Metastasio, che rimanda a un universo dove la sensibilità ha il ruolo di guida.

Il tema del paesaggio necessita di attenzioni particolari poiché è uno dei più frequentati in pittura. La ricerca di Marta Mancini dimostra invece che anche i temi più conosciuti possono riservare sorprese, in questo caso con una scelta cromatica tenuta perfettamente sotto controllo, mentre i segni di questa pittura evidenziano anche esperienze estranee al figurativo.

 Presentazione di Paolo Aita

Senza Titolo, 2014, acrilico su tela, 60x80 cm

Senza Titolo, 2014, acrilico su tela, 60×80 cm

 

Marta Mancini è nata nel 1981 a Roma, dove vive e lavora.
Si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma nel 2006.

Principali mostre

Personali

2012
Abita, a cura di Pericle Guaglianone, galleria S.A.L.E.S., Roma

Collettive

2013
Appuntamento al buoio, a cura di Claudio Libero Pisano, Ciac Castello Colonna, Genazzano (RM)

2012
PUNTI DI VISTA – Identità Conflitti Mutamenti, a cura di Fabio De Chirico e Ludovico Pratesi, Galleria Nazionale di Palazzo Arnone, Cosenza
Tutto, 26cc – space for contemporary art, Roma
Parallels, Zelle Arte Contemporanea, Palermo

2011
Sweet Sheets, Zelle Arte Contemporanea, Palermo
MEMORIE: nome plurale femminile, a cura di Sarah Di Nella, Garden Expo – Brancaleone, Roma
Fa tardi presto – Open studio, 7° Giornata del Contemporaneo, Studio 54, Roma

2010

In-cantiere, a cura di Luca Bradamante, via Alamanni 9°, Milano
A house is not a home Ospiti, a cura di Elena Boni e Alessandro Sarra, 34 angeli, Roma
Scenica-mente, Casa delle Donne – Luchya Y Siesta, Roma
Sguardi Sonori – Cose, sala concerti SPMT, Ex Mattatoio di Testaccio, Roma

2009
Secondo piano – Open studios, Via Arimondi 3 – Portonaccio, Roma

Premi

2012
Premio Zingarelli Rocca delle Macìe 2012 – Il Giardino del Getsemani, a cura di Simona Gavioli, Castellina in Chianti (SI)

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0